Studio Consulenza Automobilistica

RADIAZIONI PER ESPORTAZIONE

RADIAZIONI PER ESPORTAZIONE

Dal 14 luglio 2014 sono entrate in vigore le nuove procedure per la radiazione degli autoveicoli destinati all'esportazione. In sostanza non è più possibile radiare un automezzo se questo non è materialmente già stato esportato. I problemi maggiori si riscontrano quando la vendita avviene tra privati perciò, per agevolare le operazioni, di seguito la procedura, da noi consigliata, da espletare in Agenzia:

  • sottoscrivere l'atto di vendita (in questo modo la responsabilità della circolazione viene trasferita alla parte acquirente);
  • richiedere, a cura dell'acquirente, un'assicurazione temporanea obbligatoria per condurre il mezzo su strada fino a destinazione;
  • accordarsi sulla "CAUZIONE" a garanzia della restituzione di targhe, libretto e certificato di proprietà che serviranno a chiudere la posizione del veicolo al Pubblico Registro Automobilistico.

Nel caso di esportazione con bisarca, è necessario produrre copia del CMR  (Convention des Merchandises par Route) con ricevuta di consegna oppure copia della bolla doganale con il codice di uscita dal territorio nazionale (quest'ultima solo per esportazioni extra U.E.)

Per altre possibili opzioni, contattateci.

 

N.B. Il servizio radiazioni è dedicato esclusivamente ai residenti nella provincia di Verona.

 

 

TARGHE PER ESPORTAZIONE

TARGHE PER ESPORTAZIONE

Documenti necessari e procedura:

  • fotocopia fronte-retro carta di circolazione annullata
  • fotocopia certificato di radiazione
  • fotocopia fattura o contratto d'acquisto
  • fotocopia documento di riconoscimento del conducente
  • percorso e destinazione

Tempi di rilascio:

  • per radiazioni eseguite a Verona: 2 gg. (es. : lun x mer, mer x ven, ven x lun)
  • per radiazioni eseguite fuori provincia: 7 gg. (es. : lun x lun successivo, mer x mer, ecc.)

 

N.B. Prima di procedere con la radiazione verificare che l'automezzo sia in regola con la revisione periodica.

TRANSITO IN CROAZIA

Il Ministero degli Affari Esteri croato ha chiarito la posizione nei confronti delle targhe italiane per esportazione riferendoci, per il tramite del Consolato italiano, che le suddette targhe sono accettate per la circolazione di transito o di destinazione in Croazia.

Di seguito la comunicazione via e-mail che abbiamo ricevuto con i recapiti telefonici in caso di problemi con le autorità.

Hai bisogno di informazioni o di un preventivo?

 

CONTATTACI >>